Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

Il Trenino di Casella: percorso e orari

ADV

Tabella dei Contenuti

Il Trenino di Casella è una ferrovia a scartamento ridotto che collega il centro di Genova con il suo immediato entroterra.

Lo sapevate che la ferrovia di Genova Casella è la ferrovia storica, ancora funzionante, meglio conservata d’Italia?

Il Trenino di Casella procede lungo 24 chilometri e attraversa 3 valli, la Val Bisagno, la Val Polcevera e la Valle Scrivia, offrendo lungo il suo percorso una spettacolare vista panoramica che spazia dal mare ai monti.

Viaggerete su carrozze d’epoca, tra presente e passato.

Il trenino parte dalla stazione di Manin e arriva alla stazione di Casella in circa un’ora, attraversando ponti, gallerie, viadotti, passaggi a livello, e caratteristici borghi dove assaggiare le specialità tipiche dell’entroterra ligure.

Scopriamo insieme le tappe della storica ferrovia di Genova Casella e tutte le informazioni utili per organizzare la vostra gita sul Trenino di Casella, anche con bambini al seguito.

Dove prendere il Trenino di Casella

Raggiungere la stazione di partenza del Trenino (Genova Manin), è facile.

Per chi arriva in treno – Dalla stazione ferroviaria di Genova Principe, è necessario prendere l’autobus n 34 fino alla fermata di piazza Manin.

Dalla stazione ferroviaria di Genova Brignole, è necessario prendere l’autobus n 49 e scendere alla fermata Giardino/Montegrappa, a pochi passi a piedi da piazza Manin.

La stazione del Trenino di Genova Manin si trova al di sopra dell’omonima piazza, e si può raggiungere attraverso una scalinata oppure con l’autobus n 64 (scendere alla seconda fermata).

Per chi arriva in autobus – Dalle zone di Genova Principe e di Genova Brignole, seguire le indicazioni di cui sopra.

Da piazza Corvetto, è necessario prendere l’autobus n 34 o 36 e scendere alla fermata di piazza Manin.

Per chi arriva in macchina – È possibile arrivare alla stazione di Manin in auto, tenendo conto che i parcheggi, nei suoi dintorni, sono a pagamento e non proprio così numerosi.

Dall’uscita autostradale di Genova Est, si può parcheggiare la macchina nei pressi del Cimitero Monumentale di Staglieno o nel parcheggio sulla Piastra, e prendere l’autobus n 34 (direzione Stazione Principe), scendendo alla fermata di piazza Manin.

Dall’uscita autostradale di Genova Ovest, si può parcheggiare nel parcheggio di Interscambio Dinegro, e prendere la metropolitana fino alla fermata della Darsena.

Da qui, è necessario prendere l’autobus n 34 fino a piazza Manin.

Storia e curiosità della Ferrovia Genova Casella

La Ferrovia Genova Casella fu realizzata in seguito a 50 anni di progetti modificati più volte a causa della criticità legata alla morfologia del territorio.

Lo scopo della ferrovia era quello di collegare, in maniera agevole, Genova con il suo entroterra e la sua realizzazione ebbe finalmente inizio nel giugno del 1921, dal lato di Casella.

Al fine di risparmiare sulla sua costruzione, il materiale fu recuperato dal torrente Scrivia, e per superare le barriere naturali, vennero costruite diverse gallerie e ponti.

La ferrovia di Genova Casella fu ultimata e aperta successivamente al pubblico nel settembre del 1929.

Curiosità

Il Trenino di Casella parte ad un’altitudine di 93 metri s.l.m. e arriva ai 410 metri del capolinea di Casella, dopo aver valicato il punto più alto del tracciato (Crocetta d’Orero, 458 metri s.l.m.).

Per compiere l’intero percorso, il Trenino impiega all’incirca un’ora.

La ferrovia Genova Casella è una ferrovia a scartamento ridotto ovvero la distanza tra le rotaie è di 1000 millimetri, invece dei consueti 1435.

Nonostante sia una linea di montagna – le pendenze raggiunte sono anche del 45 per mille – è completamente elettrificata.

panorama dal trenino di casella
Panorama che si ammira dal Trenino di CasellaFonte Amt Genova

Il percorso del Trenino di Casella: tutte le fermate

Il Trenino di casella si snoda lungo un percorso panoramico di circa 24 chilometri.

Come indicato precedentemente, attraversa 3 vallate e 4 comuni (Genova, Sant’Olcese, Serra Riccò e Casella).

Le fermate che effettua lungo il percorso sono 15 (in totale 17, contando le stazioni di partenza e di arrivo) e sono le seguenti:

  • Genova Piazza Manin
  • San Pantaleo
  • Sant’Antonino
  • Cappuccio
  • Trensasco
  • Campi
  • Pino
  • Torrazza
  • Sardorella
  • Vicomorasso
  • S. Olcese Chiesa
  • S. Olcese Tullo
  • Busalletta
  • Molinetti
  • Niusci
  • Canova Crocetta
  • Casella
stazione di manin
Il capolinea in piazza Manin

Oltre ai panorami che si possono ammirare dal finestrino, le numerose fermate del Trenino permettono di andare alla scoperta del territorio circostante.

Passeggiate, fattibili anche con i bambini, ristoranti, visita ai borghi, esperienze enogastronomiche, fattorie con animali, sono solo alcune delle proposte.

Vediamo insieme cosa vedere e le tappe più importanti da fare lungo il percorso della Ferrovia Genova Casella.

trenino di casella mappa
Il percorso della ferrovia Genova Casella – Fonte Amt Genova

Il Trenino di Casella: cosa vedere lungo il percorso

Di seguito, trovate le attrazioni principali elencate dalla stazione di partenza di piazza Manin verso la stazione di arrivo di Casella.

Fermata di San Pantaleo: Acquedotto Storico

ponte sifone
Lo spettacolare Ponte Sifone

La prima attrazione che trovate lungo il percorso, è l’Antico Acquedotto della città che si raggiunge scendendo alla fermata di San Pantaleo.

La passeggiata sull’Acquedotto di Genova è una passeggiata semplice, per lo più pianeggiante, che a me piace molto e che consiglio sempre volentieri.

Tra l’altro, nel primo tratto, si trova lo spettacolare Ponte Sifone che può essere percorso solo in specifiche giornate.

▶ Se vuoi più informazioni sull’Acquedotto Storico, puoi leggere questo articolo.

Fermata di Trensasco : anello dei Forti di Genova

diamante forte

Scendendo alla stazione di Trensasco, potrete raggiungere l’inizio del sentiero che porta ai Forti di Genova, all’interno del Parco delle Mura.

L’anello dei Forti di Genova è uno dei percorsi di trekking più amati da noi genovesi, sia per la vicinanza con il centro cittadino sia per la panoramicità che offre.

Il percorso è lungo 10 chilometri e presenta un dislivello di 400 metri quindi è un’escursione fattibile anche con bambini, se già avvezzi ai trekking.

▶ Per informazioni più dettagliate sull’anello dei Forti di Genova, puoi leggere questo articolo.

Fermata di Campi: trattoria Da Raffe

Vi consiglio di scendere alla fermata di Campi se volete fare una tappa in una delle trattorie più tipiche dell’entroterra genovese.

Si chiama Da Raffe e qui potrete trovare i piatti della tradizione quali ravioli al tocco, mandilli al pesto, fritto misto alla genovese, coniglio alla ligure, cima, e molto altro.

I piatti sono veramente buoni e abbondanti, e il conto è onesto.

La trattoria dista poco più di un chilometro dalla fermata di Campi che si percorre in discesa all’andata e in salita al ritorno.

La passeggiata a piedi, tutto sommato, vi servirà per digerire il lauto pranzo!

Indirizzo – Da Raffe (su maps esce come Non mia) 16010 Casanova, tel +39 0107092367.

Trenino di Casella: fermata Sant’Olcese Chiesa

Arriviamo ora a Sant’Olcese, il paesino che prende il nome dal vescovo Olcese il quale si narra che nel 400 riuscì ad addomesticare un orso ritenuto molto pericoloso dalla popolazione.

Il paese di S.Olcese è conosciuto grazie al suo famoso salame che si può acquistare nei vari salumifici della zona tra cui la Salumeria Parodi che propone anche visite guidate con degustazione.

La stazione del Trenino di Casella più vicina al centro abitato di S.Olcese, è quella di Sant’Olcese Chiesa.

Fermata Sant’Olcese Tullo: sentiero botanico di Ciaé

Trenino di Casella

Dalla fermata di Sant’Olcese Tullo, invece, è possibile intraprendere una bella passeggiata al Sentiero Botanico di Ciaé che collega Ronco di Sant’Olcese alla frazione di Orero, nel comune di Serra Riccò.

Il percorso, creato nel 1984 dai volontari della Guardia Antincendi di Sant’Olcese, si snoda all’interno del bosco ed è contrassegnato da numerose targhette che illustrano le specie vegetali autoctone.

È una passeggiata semplice, istruttiva per i bambini, e molto caratteristica da percorrere durante la stagione del foliage.

▶ Per informazioni più dettagliate sul Sentiero Botanico di Ciaé, puoi leggere questo articolo.

Fermata Crocetta d’Orero

Museo diffuso 24 km

Scendendo alla stazione di Crocetta di Orero, si può visitare il Museo della Ferrovia Genova Casella (Museo diffuso 24 km), aperto ogni sabato dalle ore 10:00 alle ore 13:00.

All’interno, viene ripercorsa la storia del Trenino di Casella attraverso fotografie storiche, un’esposizione di biglietti antichi e di strumentazioni, disegni di locomotive storiche, e altre curiosità.

Antica Trattoria del Bado

Altra tappa che consiglio per il pranzo, è l’Antica Trattoria del Bado a Casella.

Anche qui potrete trovare un ambiente informale, buoni piatti della tradizione ligure, e un conto in linea con la qualità del cibo proposto.

Ci si arriva scendendo alla stazione di Canova.

Indirizzo – Antica Trattoria del Bado, via Canova 1 Casella. Tel +39 0109677726.

Escursione al Santuario N.S. della Vittoria

Scendendo alla fermata di Crocetta d’Orero (468 mt.) oppure a quella di Canova (la distanza è la stessa), si può arrivare al Santuario N.S. della Vittoria (591 mt.), situato tra la Val Polcevera e la Valle Scrivia, attraverso un suggestivo trekking.

L’escursione è agevole e il dislivello minimo (270 metri) ma il tempo impiegato è di circa 2h30 (solo andata) quindi è adatta ad escursionisti e bambini allenati.

Trenino di Casella: fermata di Casella

Montemaggio e Crocefieschi

Siamo arrivati, infine, al capolinea della Ferrovia Genova Casella ovvero al paese di Casella.

Qui è possibile visitare l’abitato oppure proseguire a piedi verso i borghi di Montemaggio e di Crocefieschi.

A Montemaggio, in particolare, si può percorrere un breve trekking che porta prima all’Ex Colonia Montana e poi sulla sommità del Monte Maggio.

▶ Per informazioni più dettagliate sul trekking al Monte Maggio, puoi leggere questo articolo.

Cascina Salvega

Con una passeggiata di poco più di un chilometro e mezzo, dalla stazione di Casella si può arrivare all’agriturismo Cascina Salvega, il paradiso per i bambini.

Cucina casalinga genuina, spazio all’aperto con giochi e tanti animali.

Consigliato per trascorrere una giornata in famiglia magari durante la bella stagione!

Indirizzo – Cascina Salvega, Loc. Via Salvega 38, Casella. Tel +39 3385844712.

Quanto costa il Trenino di Casella: biglietti e orari

fermate del trenino
Le tre zone tariffarie del Trenino di Casella – Fonte Amt Genova

Il biglietto del Trenino costa 3,00€ – solo andata – ed è valido per una singola zona della Ferrovia Genova Casella (4,00€ per due zone, 4,50€ per tre zone).

È previsto il biglietto 24h se l’idea è quella di salire e scendere più volte nell’arco della giornata, e anche una tariffa agevolata per le famiglie.

È possibile acquistare i biglietti direttamente in stazione, oppure online sul sito ufficiale fino a 2 ore prima della partenza della corsa prescelta.

Nei giorni di maggiore affluenza è consigliabile acquistare il biglietto online.

Prima di organizzare il viaggio, date sempre un’occhiata alla sezione avvisi nella pagina home del sito, dove potrete trovare notizie aggiornate ed eventuali modifiche agli orari.

Potete acquistare il biglietto o visionare gli orari delle corse del Trenino di Casella, sul sito ufficiale.

Informazioni per salire sul Trenino di Casella con la bicicletta

A coloro che hanno in mente di percorrere con la bici i sentieri raggiungibili dal Trenino di Casella, interesserà sapere che il trasporto della stessa è gratuito.

Le bici vengono appese in verticale alle pareti all’interno del vagone quindi al riparo dalla pioggia.

Per gruppi di 3/4 persone e relative biciclette, è consigliabile prenotare in anticipo il posto scrivendo una mail a [email protected]

Conclusioni

Il Trenino di Casella offre un’esperienza un po’ diversa dal solito.

Oltre al viaggio in sé, molto caratteristico da percorrere sia con bambini che senza, il Trenino permette di andare alla scoperta del nostro entroterra, in quanto base di partenza di belle escursioni nella natura, e di caratteristici borghi.

Continua a leggere:

1. Il Cimitero Monumentale di Staglieno

2. Il borgo abbandonato di Canate di Marsiglia

3. La passeggiata dei Baci

4. Le 10 attrazioni di Genova

Seguici sui nostri social