Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

Prati, Cascate e un lago Fantasma: scopriamo i Prati Casalini a Genova

ADV

Tabella dei Contenuti

In molti conosceranno i Prati Casalini sulle alture di Genova, dove si può fare un bel pic-nic e rilassarsi nella natura.

Ma forse non tutti sanno perchè sia denominato lago Fantasma.

In questo articolo, vi portiamo alla scoperta dei Prati Casalini, con la spiegazione di come arrivare e di come trovare le Cascate del Geirato, con qualche consiglio se con voi ci sono bambini.

Partiamo!

Storia dei Prati Casalini: il lago Fantasma

I Prati Casalini (o Prato Casarile) sono una grande distesa erbosa, pianeggiante, di 45.000 mq.

In tempi remoti, una frana intasò l’alveo del torrente Geirato, formando un lago che, con il tempo, si è riempito di detriti.

Il Geirato, nel suo discendere verso il torrente Bisagno, scompare sotto i detriti (al di sotto dei Prati Casalini) e riappare un centinaio di metri a valle, nei pressi del ponte dell’Acquedotto.

In caso di piogge abbondanti, la grande portata del Geirato scorre al di sopra dei Prati i quali, essendo chiusi nel lato sud, si riempiono formando un vero e proprio lago.

Parliamo, quindi, di una sorta di lago fantasma che appare e scompare a seconda dell’intensità della pioggia, sicuramente molto suggestivo da avvistare.

Circa 25 anni addietro, vennero fatti lavori di consolidamento in quanto l’immensa onda di piena tracimata dal lago verso il torrente Bisagno, fu concausa della grande alluvione del 1970 che arrecò ingenti danni alla città.

Il lago, infatti, poteva raggiungere profondità notevoli, anche di 2 o 3 metri in alcuni punti.

Oggi è molto difficile avvistare questo suggestivo lago fantasma nel pieno della sua portata ma si può andare ai Prati Casalini per fare un bel pic-nic in compagnia degli amici o con la famiglia.

Arrivare ai Prati non è complicato ma è necessario percorrere un sentiero nel bosco di poco meno di due chilometri.

Una volta arrivati, con un’ulteriore brevissima passeggiata, si possono ammirare anche le Cascate del Geirato.

Prati Casalini Genova come arrivare

Per arrivare ai Prati Casalini, nel quartiere di Molassana alta, è necessario percorrere la Val Bisagno (in direzione Prato), e imboccare via San Felice.

Si arriva fino a Cartagenova e si cerca parcheggio a bordo strada (noi siamo dovuti tornare indietro di circa 800 metri perchè non c’era posto).

L’alternativa, se non volete arrivare in macchina, è prendere il bus n 477 e scendere al capolinea.

Specifiche tecniche della passeggiata

Quota di partenza – 214 mt circa di Cartagenova

Quota di arrivo – 259 mt circa dei Prati Casalini

Lunghezza del percorso – circa 5 km (incluso il breve trekking alle cascate)

Dislivello – 150 mt circa

Tempi di percorrenza – Andata 40 minuti, ritorno 30 minuti.

Periodo consigliato – Autunno e primavera.

Percorso

cartagenova

Una volta parcheggiata la macchina, si imbocca via Cartagenova, un sentierino che si snoda tra abitazioni e orti.

Mi piace molto il quartiere di Molassana alta perchè si trova in piena campagna, distante solo pochi minuti dal traffico della città.

Imboccata, dicevamo, via Cartagenova, si supera un recinto con galline, due lavatoi (di cui uno con acqua non potabile), e un altro recinto con le caprette.

inizio sentiero
sentiero
prati casalini

Continuando tra ulivi e muretti a secco, con la vista sull’imponente Forte Diamante che si apre sulla sinistra, si esce rapidamento dal centro abitato e ci si immette nella boscaglia.

Si arriva in breve al Fosso del Rio, che forma a monte una piccola cascatella.

Lo si guada senza particolari problemi, e si torna a salire all’interno del bosco.

forte diamante
prati casalini
rio del fosso

Lungo il percorso, si trovano un paio di cartelli in legno che indicano la direzione da seguire per arrivare alle Cascate del Geirato e ai Prati Casalini.

Si supera il rudere di una grossa abitazione (Villa Carrara) e, poco più avanti, un altro piccolo rudere.

A questo punto, ignorate quella sorta di ponte in pietra sulla vostra sinistra, che scende al Geirato, e proseguite dritti.

Ancora un centinaio di metri, e sarete arrivati ai Prati Casalini.

rudere
prati casalini

Prati Casalini

prati casalini

I Prati Casalini sono una grande distesa erbosa racchiusa in un anfiteatro naturale montuoso.

I Prati sono una delle mete delle famiglie genovesi nelle giornate primaverili in quanto si può stendere il telo, fare un pic-nic, e i bambini possono scorazzare senza pericoli.

Come arrivare alle Cascate del torrente Geirato

cascate del geirato

Proprio alle spalle della scritta “Prati Casalini”, troverete un sentierino che si addentra nel bosco.

Seguitelo per circa 300 metri (in alcuni punti, è poco più di una lieve traccia), fino al letto sassoso del torrente Geirato.

In pochi minuti, sarete così arrivati al cospetto di una bella cascatella che scende, a più salti, da una balza rocciosa. Queste sono le cosiddette Cascate del Geirato.

Per rientrare alla macchina, si percorre a ritroso il sentiero dell’andata.

prati casalini

Ai Prati Casalini con i bambini

Il sentiero che porta ai Prati Casalini, non presenta particolari difficoltà né un dislivello importante quindi è percorribile anche da bambini non particolarmente allenati.

Nel tratto iniziale, il sentiero in un punto si restringe e non ha protezioni laterali quindi, se il bambino è piccolo, andrà tenuto per mano.

Consiglio un buon paio di scarpe da ginnastica; se ha appena piovuto si può trovare del fango.

Prati Casalini Genova: Conclusioni

Bella scampagnata quella ai Prati Casalini, da fare anche con bambini, con arrivo in un grande pratone dove stendere il telo e trascorrere una mezza giornata nel verde.

Ultima considerazione: essendo il prato battuto da animali selvatici, consiglio di fare un veloce controllo alla ricerca di zecche e, una volta a casa, mettere subito i vestiti in lavatrice perchè noi ce ne siamo trovate parecchie addosso.

Niente di preoccupante in quanto, andando spesso sui monti, siamo ormai collaudati nel toglierle con la pinzetta.

Per chi fosse alla prima esperienza, invece, potrebbe interessare l’articolo Come comportarsi in seguito al morso di una zecca.

Seguici sui nostri social