Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

Wimu, il Museo del Vino a Barolo

Tabella dei Contenuti

In occasione di un weekend nelle Langhe, abbiamo deciso di visitare Barolo e il suo imperdibile Museo del Vino.

Wimu, il Museo del Vino ha aperto i battenti nel 2010 all’interno dello splendido Castello di Barolo.

L’allestimento è stato curato dallo stimato architetto François Confino il quale, attraverso il Wimu, voleva raccontare dello stretto rapporto tra l’uomo e il vino.

Il Wimu propone un viaggio emozionale nel mondo del vino con un percorso di visita immersivo nella cultura del vino.

Grazie ad un approccio interattivo e divertente, la visita non annoia mai ed è indicata anche per famiglie con bambini.

Vediamo quindi tutte le informazioni utili per organizzare la vostra visita al Wimu, Museo del Vino a Barolo.

Wimu, il Museo del Vino a Barolo

La visita all’interno del Wimu, il Museo del Vino, inizia dalla terrazza panoramica e termina nelle cantine del Castello dove ha sede l’Enoteca Regionale del barolo. 

Nelle 25 sale che celebrano il vino, vengono narrate le varie fasi della produzione e viene spiegata l’importanza del vino nel passato, il tutto attraverso immagini, suoni, giochi di luce e di ombre.

La scenografia è un po’ datata ma sempre in grado di catturare l’attenzione del visitatore.

Alla fine della visita, volendo, è possibile effettuare degustazioni di Barolo, nell’Enoteca Regionale.

Wimu, il Museo del Vino a Barolo: percorso di visita

Dopo aver ammirato il panorama dalla terrazza, si scende al terzo piano dove inizia il vero e proprio percorso di visita.

panorama

Qui viene raccontato come la nascita di un grande vino sia il frutto dell’incessante lavoro della natura.

Luna, sole, ogni elemento della natura è connessa con il ciclo della vite.

Ogni stanza è caratterizzata da qualcosa di curioso o divertente come giostre, teatrini, gioco di specchi, che tengono viva l’attenzione di tutti e soprattutto dei bambini.

wimu museo del vino a barolo
visita con bambini

Si scende al secondo piano dove viene spiegato come il vino accompagni la storia dell’umanità, fin dai tempi più remoti.

Nello scorrere dei secoli, il vino è sempre stato elemento di ispirazione.

Lo si trova nelle musica, nella letteratura, nelle arti figurative, nel cinema.

Ha lasciato la sua impronta in ogni epoca.

Terminata la visita, si scende al primo piano del Castello che conserva gli arredi ottocenteschi degli ultimi marchesi Falletti di Barolo, figure fondamentali nella creazione del vino Barolo.

appartamenti dei marchesi falletti di barolo

Si scende ancora nel seminterrato, dove si trova un’aula del Collegio Barolo – nato per volontà della marchesa Giulia, nel 1875 – perfettamente ricostruita.

Qui, possiamo sederci e osservare un maestro virtuale spiegare i segreti del vino.

sala collegio barolo

Accanto, infine, si trova la sala denominata Tempio dell’Enoturista che è allestita con gli storici ambienti di tinaggio.

Si conclude così la visita al Wimu, molto interessante e piacevole per tutta la famiglia.

Wimu per le famiglie

In biglietteria, potrete richiedere il WiMu Notes, una sorta di diario di viaggio che riporta spunti e curiosità sul museo.

Il WiMu Notes è consigliato a famiglie con bambini di età compresa tra 6 e 12 anni e costa 3,00€ (da aggiungere al prezzo del biglietto).

In alternativa, potrete richiedere l’Esploramuseo, ovvero un kit che propone giochi fra sale e allestimenti.

L’Esploramuseo è consigliato a famiglie con bambini di età compresa tra 6 e 12 anni e costa 4,00€ (da aggiungere al prezzo del biglietto).

La visita al Museo del Vino di Barolo è interamente accessibile con il passeggino e al suo interno si trova una nursery dove allattare il bambino e il fasciatoio dove cambiarlo.

wimu museo del vino a barolo

Quanto dura la visita al Wimu

Per la visita al Wimu, contate un’oretta. Una mezz’oretta in più se decidete di partecipare ad una degustazione nelle cantine.

Biglietti d’ingresso e orari di apertura del Wimu

Il biglietto costa 9,00€ l’intero, 1,00€ il ridotto 6-14 anni per il primo figlio (3,00€ dal secondo figlio), gratis 0-5 anni.

Può essere acquistato il giorno stesso in biglietteria.

Ogni seconda domenica del mese, le famiglie possono usufruire di una tariffa speciale: 18,00€ per 2 adulti + 1 bambino pagante, 21,00€ per 2 adulti + 2 bambini paganti.

Per visionare tutte le riduzioni e gli orari di apertura del Wimu che variano di mese in mese, vi rimando al sito ufficiale.

Conclusioni

La visita al Wimu è un’esperienza interessante e coinvolgente per tutta la famiglia.

Merita sicuramente se siete in visita a Barolo per immergersi nel mondo del vino e apprendere informazioni e curiosità che magari non avete ancora avuto l’occasione di conoscere.

Continua a leggere:

1. La Gnomovia di Mango

2. Cosa vedere ad Asti

3. Il Santuario di Oropa a Biella

Seguici sui nostri social