Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

Alla scoperta delle Langhe con i bambini

ADV

Tabella dei Contenuti

Da sempre innamorata delle Langhe, da quando sono mamma ho cercato altre destinazioni per le vacanze in famiglia, avendo la convinzione che le Langhe non fossero fattibili con bambini al seguito.

Degustazioni in cantina con un bambino che tocca ovunque e non sta fermo? Per carità, anche no.

E invece si!

Basta trovare il giusto compromesso tra le esigenze di un bambino e un po’ di quell’agognato relax di cui tutti abbiamo bisogno.

Seguitemi e scoprirete che, sorprendentemente, si possono organizzare tantissime attività con i bambini nelle Langhe!

Alla scoperta delle Langhe con i bambini

Langhe, territorio affascinante e ricco di bellezze, patria del buon cibo e del vino.

Le Langhe, per autonomasia, sono la destinazione perfetta per un viaggetto di coppia e questo, in teoria, mal si concilia con le esigenze di una famiglia con bambini.

Come far combaciare, quindi, la voglia di rilassarsi davanti, magari, ad un buon calice di vino, con un bambino che, invece, smania di girare, toccare, e sperimentare?

Ecco di seguito alcune idee che potranno rendere piacevole una visita nelle Langhe anche con bambini al seguito.

Cosa fare nelle Langhe

Tour in cantina adatti alle famiglie

Sembrerà incredibile ma è così, esistono tour in cantina adatti alle famiglie.

Per venire incontro alle esigenze di una famiglia con bambini, infatti, svariate aziende vitivinicole si sono riunite nel progetto Le Cantine dei Bambini.

Cosa vuol dire?

Semplicemente che, mentre mamma e papà degustano, il bambino può stare in uno spazio ricavato appositamente per lui con giochi che lo terranno impegnato per un bel po’, e tutta la famiglia è contenta.

Avendo ancora bambine piccole, infatti, so quanto sia difficile tenerle sedute al tavolo per più di 10 minuti.

E questa, a mio avviso, è un’idea veramente geniale che rende la degustazione in una cantina nelle Langhe, fruibile anche per le famiglie con bambini.

E, soprattutto, piacevole e rilassante per tutti.

Josetta Saffirio Wines a Monforte d’Alba, ad esempio, propone Il percorso degni gnomi ovvero visita della cantina e degustazione di 4 vini di cui 1 Barolo per gli adulti, e di succo di frutta per i bambini nella loro area dedicata.

In seguito, tramite una mappa con un percorso ad anello che si snoda intorno alla cantina, i bambini potranno andare alla scoperta del territorio circostante.

Consigliato per bambini dai 4 anni in su.

Un’altra cantina family friendly, è quella di Gianni Doglia a Castagnole delle Lanze.

Anche qui i bambini sono ben accetti.

Mentre gli adulti degustano, i piccoli possono divertirsi con alcuni giochini in legno e, nella bella stagione, possono uscire a giocare in cortile!

Cosa fare nelle Langhe con i bambini: visitare le fattorie didattiche

Svariate fattorie nelle Langhe (e un po’ ovunque ormai), offrono esperienze didattiche per bambini volte ad avvicinare i più piccoli alla natura e alla conoscenza del territorio.

E quindi via libera a laboratori di diverso tipo come la produzione di formaggi, incontri con gli animali, e tour guidati nelle vigne.

Grazie alle attività proposte dalle fattorie didattiche, il bambino viene coinvolto in attività pratiche e divertenti, sempre legate al territorio che lo circonda.

A Monforte d’Alba, ad esempio, Cascina Gabutti organizza 3 attività: Dall’uovo al pulcino, Alla scoperta del Noccioleto, e Percorsi tra le vigne.

Le attività, adatte a famiglie con bambini, hanno una durata di 1 ora e vanno prenotate in anticipo.

Passeggiate tra le vigne

Che bello passeggiare nelle Langhe, tra le vigne!

Il Sentiero del Barolo, ad esempio, è una passeggiata suggestiva che si snoda per diversi chilometri, in mezzo ai filari.

sentiero del barolo

La passeggiata è una meraviglia soprattutto se organizzata poco prima della vendemmia quando gli acini sono belli maturi oppure nel periodo autunnale con le foglie rosse.

Ma c’è la possibilità che un bambino si possa annoiare.

Con bambini al seguito, allora, cosa fare?

Si può percorrere la Gnomovia di Mango!

Di cosa si tratta?

La Gnomovia è una passeggiata lunga circa 4 chilometri (volendo accorciabile a 2) situata a Mango, nel cuore delle Langhe.

Offre un panorama incantevole sulle vigne coltivate a Moscato e la presenza sul sentiero di gnomi e di altre creature magiche, funzionerà sicuramente da incentivo per far camminare anche i bambini più pigri!

gnomovia
gnomovia

Se vuoi più informazioni sulla Gnomovia di Mango, puoi leggere questo articolo.

Cose vedere nelle Langhe: Wimu, il Museo del Vino a Barolo

Il Wimu è il Museo del Vino di Barolo che si caratterizza per un percorso espositivo veramente coinvolgente.

Al Wimu, infatti, potrete andare alla scoperta della storia del vino fin dalle epoche più antiche, attraverso installazioni interattive e multimediali.

Quasi ogni sala, ospita un allestimento curioso che terrà vivo anche l’interesse dei più piccoli.

wimu

Inoltre, in biglietteria potrete richiedere un kit famiglia con giochi e quiz da risolvere nel corso della visita al Museo.

Se vuoi più informazioni sul Wimu di Barolo, puoi leggere questo articolo.

Da vedere nelle Langhe: Cappella delle Brunate o Cappella del Barolo

cappella del barolo

La Cappella delle Brunate o del Barolo, il cui vero nome è Cappella della SS. Madonna delle Grazie, è stata costruita nel 1914 come riparo dalla pioggia per i lavoratori delle vigne.

Si chiama cappella ma, in realtà, non è mai stata consacrata.

Diventata, negli anni, un rudere, ha trovato nuova vita grazie alla fantasia di due artisti di fama internazionale, David TremlettSol LeWitt.

Il lavoro di ristrutturazione è stato commissionato alla fine degli anni ’90, dal produttore di una delle marche di Barolo più rinomate, ovvero Bruno Ceretto.
 
Il risultato della ristrutturazione, è un piccolo capolavoro dal colore vivido e sgargiante, sorprendentemente inserito nel paesaggio delle Langhe in maniera perfetta.

langhe con bambini

Dato che la Cappella è presa d’assalto al weekend, la strada carrabile molto stretta e in salita, viene chiusa ai non residenti nei fine settimana quindi dovrete parcheggiare in strada e proseguire a piedi per un chilometro.

Da fare nelle Langhe: la Chiesetta di Coazzolo e la Vigna dei Pastelli

Chiesetta di Coazzolo

chiesetta di coazzolo
langhe con bambini

La Chiesetta di Coazzolo è la piccola chiesa sconsacrata della Beata Maria Vergine del Carmine, situata nel Comune di Coazzolo, in provincia di Asti.

Anche in questo caso, la ristrutturazione porta la firma di David Tremlett.

Sono tre i colori predominanti: il giallo per l’atrio porticato, la terra di Siena per il corpo della chiesa, e il verde oliva per la sacrestia e il basamento.

Anche la Chiesetta di Coazzolo è collocata in posizione panoramica, circondata dalle colline del Moscato e con il Monviso sullo sfondo.

panorama

La Vigna dei Pastelli

vigna dei pastelli
langhe con bambini
vigne

A 500 metri dalla chiesa, si trova la Vigna dei Pastelli, una vigna privata ma accessibile a tutti, abbellita con svariati pastelli giganti colorati.

Potete lasciare la macchina nei pressi della Chiesetta di Coazzolo e proseguire a piedi sulla strada asfaltata.

L’ultimo centinaio di metri, sale in mezzo alle vigne e non è adatto ad essere percorso coi passeggini.

Alla scoperta delle installazioni giganti nelle Langhe

Panchine, Sedie e Altalene Giganti

Le Panchine Giganti sono ormai conosciute da tutti.

Si tratta di panchine colorate king-size, collocate in diversi punti del territorio langarolo (e non solo), per lo più in posizione panoramica.

Di Panchine Giganti ce ne sono ormai veramente tante (elenco completo sul sito della Big Bench Community Project).

Oltre ad essere un’idea originale e divertente, queste installazioni giganti sono nate con lo scopo di valorizzare il territorio in cui sorgono.

Non tutti sanno però che alle Panchine, si affiancano le Sedie Giganti e l’Altalena Gigante.

sedie giganti
big chairs
langhe con bambini
altalena gigante
langhe con bambini

Si trovano entrambe a Cossano Belbo e fanno parte del Big Chairs Tour, un itinerario che porta alla scoperta di diverse installazioni giganti, posizionate a breve distanza l’una dall’altra.

Eventi o festival

Se la confusione non vi spaventa, allora andare ad una fiera potrebbe fare al caso vostro.

Le Langhe, infatti, nell’arco dell’anno ospitano svariati festival ed eventi eno-gastronomici, famosi in tutta Italia.

Inoltre, se inizialmente questi eventi erano mirati ad un visitatore adulto, negli ultimi anni si rivolgono sempre di più alle famiglie, grazie ai numerosi laboratori per bambini mirati sia al gioco ma anche all’apprendimento.

Segnalo, in particolare, la Fiera del Tartufo ad Alba nei mesi di ottobre e novembre con l’Alba Truffle Bimbi.

Vinum, sempre ad Alba, è una grande manifestazione dedicata ai vini di Langhe, Roero e Monferrato, che va in scena da fine aprile a metà maggio.

Anche qui potrete trovare il Vinum Bimbi.

E ancora, Cheese il festival dedicato ai formaggi che si svolge nel mese di settembre a Bra e a Pollenzo.

In alcuni casi, la partecipazione ai laboratori è a pagamento, in altri gratuita, e in tutti l’aspetto ludico è affiancato ad un aspetto didattico.

Consigli su dove dormire nelle Langhe

Scegliere strutture family friendly

Nel momento in cui ho dovuto prenotare il nostro soggiorno nelle Langhe, mi sono imbattuta in diverse soluzioni Adults Only.

Questo, sicuramente, è pensato per preservare la tranquillità di un soggiorno di coppia, anche se, da genitore, mi fa un po’ arrabbiare il non poter prenotare dove più mi piace solo perchè viaggio con bambini.

ll consiglio, dunque, è quello di scegliere strutture accoglienti nei confronti dei bambini e magari organizzate con servizi mirati alle esigenze di una famiglia.

Trovare, ad esempio, il lettino a sbarre in camera senza dover portarsi dietro il lettino da campeggio magari per una sola notte, è una bella comodità.

E, perchè no, avere anche un piccolo servizio di baby-sitter per poter, magari, concedersi una veloce degustazione nella cantina dell’azienda o un po’ di relax nella sala benessere, se presente, fa sempre piacere.

Ovviamente, tutti questi servizi aggiuntivi si pagano e non poco.

Dove dormire nelle Langhe con i bambini

Di seguito, trovate due soluzioni adatte alle famiglie con bambini.

La prima scelta è un po’ più alla portata di tutti, la seconda invece è abbastanza d’élite.

Albergo del Bramante – Situato a Roccaverano, offre camere ristrutturate con gusto con ottima colazione inclusa.

Completano l’offerta, la piscina, il ristorante interno alla struttura, e la possibilità di richiedere gratuitamente la culla 0-3 anni – Prenota qui.

Relais San Maurizio – Situato a Santo Stefano Belbo in un ex monastero del ‘600, il Relais San Maurizio offre un’esperienza indimenticabile.

Piscina esterna ed interna, spa, centro benessere, palestra, due ristoranti, servizio di baby-sitter, e area giochi.

Nella tariffa della camera, è inclusa un’eccellente colazione a buffet, l’accesso alla spa, il check-in anticipato, il check-out tardivo, e la flessibilità per cambio data in caso di imprevisti.

Tutti questi servizi si pagano ma renderanno il vostro soggiorno nelle Langhe con i bambini sicuramente molto più rilassante! – Prenota qui.

Mappa delle Langhe

Di seguito, trovate la mappa delle Langhe con le attrazioni di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Dove si trovano le Langhe

Le Langhe sono un territorio collinare situato a cavallo tra le province di Cuneo e Asti, nel cuore del Piemonte.

Il termine Langhe, deriva dal piemontese “langa” che significa, infatti, “collina”.

Come arrivare nelle Langhe

Gli aeroporti più vicini al territorio delle Langhe sono quello di Milano, a est, quello di Genova, a sud, e quello di Torino a nord-ovest.

Per quanto riguarda il treno, solo alcune linee effettuano tratte dirette e sono quelle che vanno da Milano a Torino (1h), da Torino ad Alba (1h10), da Genova ad Asti (1h20), da Roma a Torino (4h30), da Parigi a Torino (con il TGV, 5h30).

Il modo migliore per girare le Langhe è, senza dubbio, con l’automobile.

In questa maniera, si possono raggiungere i paesini e gli scenari naturali più belli, in completa autonomia.

Esistono poi dei tour enogastronomici guidati con transfer dalle città più vicine, che offrono un assaggio delle Langhe a chi ha il tempo contato.

Sono molto validi, ad esempio, i tour offerti da GetYourGuide.

▶ Se arrivi in aereo e hai bisogno di noleggiare un auto, puoi confrontare le offerte proposte dalle agenzie di noleggio e risparmiare il 70%, prenotando la tua macchina sul portale DiscoverCars.

Ne parlo QUI.

Langhe con i bambini: conclusioni

Io amo viaggiare e il mio motto è “ogni lasciata è persa“!

Ogni viaggio è un’opportunità per vedere cose nuove e creare ricordi con la propria famiglia.

Con questo post, spero di aver dato qualche spunto utile alle famiglie che, come noi, hanno la passione per le Langhe ma che devono ancora fare i conti con figli piccoli.

Continua a leggere:

1. Il Paese degli Spaventapasseri

2. La Gnomovia di Mango

3. L’Acquario di Genova

4. Il Muse di Trento

Seguici sui nostri social