Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

La Val Trebbia

ADV

Tabella dei Contenuti

La Val Trebbia è una valle dell’Appenino ligure, situata a sud-ovest della provincia di Piacenza.

È formata dal fiume Trebbia che nasce alle pendici del Monte Prelà, nel comune di Torriglia.

Nel corso degli anni, lo scorrere delle sue acque ha eroso la roccia del fondovalle dando origine a stretti meandri che, se osservati dall’alto, sono veramente scenografici.

Ricche di fauna ittica, le acque del Trebbia scorrono per 110 chilometri dai confini liguri sino a gettarsi nel fiume Po e, lungo il percorso, si incuneano dentro queste profonde gole, andando a formare anse e laghetti incantevoli.

Ernest Hemingway definì la Val Trebbia “la più bella valle del mondo” ed effettivamente è una meraviglia. Andiamo a scoprirla!

Cosa vedere

spiagge della val trebbia

Il modo migliore per visitare la Val Trebbia è quello di mettersi in macchina (o ancora meglio in moto, se in coppia) e procedere lungo la statale che da Piacenza porta a Torriglia, facendo una sosta nei numerosi punti di interesse.

A bordo strada, troverete dei piccoli parcheggi dove poter accostare per osservare il panorama dall’alto e scattare le foto.

Il tratto più panoramico è sicuramente quello che va da Bobbio a Ponte Organasco, in direzione Genova, dove il fiume Trebbia procede a meandri.

Già dalla strada, si possono ammirare degli scorci meravigliosi. Volendo conoscere più da vicino questa sorprendente valle, si possono visitare i suoi borghi e fare passeggiate a piedi nella natura.

Nella bella stagione, inoltre, potrete scendere al fiume che è balneabile, e fare un bagno nelle sue acque limpide (e fredde).

corte brugnatella

Punti di interesse lungo la Val Trebbia

Sono tantissimi i punti di interesse della Val Trebbia che meritano una sosta. La valle è una destinazione meravigliosa in tutte le stagioni ma, sicuramente, per visitare i suoi borghi e fare passeggiate a piedi, l’ideale sono le mezze stagioni.

L’estate è molto calda ma è perfetta per fare il bagno nelle acque cristalline del Trebbia. Qui l’articolo dedicato.

Di seguito troverete un piccolo elenco delle attrazioni più importanti da visitare in Val Trebbia.

Bobbio

ponte gobbo

Bobbio è il più importante centro della Val Trebbia. Con la sua architettura medioevale, Bobbio, situato ai piedi del Monte Penice, è un borgo tutto da scoprire, a partire dal suo monastero e dal Ponte del Diavolo o Ponte Gobbo. Vai all’articolo completo

Brugnello

chiesa di brugnello
casa in pietra

Se Bobbio è il più importante centro della Val Trebbia, Brugnello è sicuramente il borgo più suggestivo.

Si tratta di un paesino arroccato su uno sperone roccioso a 464 metri d’altitudine. Dalla strada proveniente da Bobbio, potrete vedere la sua chiesetta che si staglia in alto nel cielo!

Per raggiungere Brugnello, dalla SS45 si deve imboccare la stradina panoramica che sale per 2 chilometri, lungo la quale si trovano delle sculture molto particolari, costruite in pietra.

gufo
polifemo

Appena dopo il cartello che indica l’inizio del paese, si trova un piccolo parco giochi sulla destra, all’interno del quale si può parcheggiare la macchina.

Il borgo di Brugnello è un gioiellino: le casette sono in pietra e sono caratterizzate da porte e persiane intarsiate nel legno e da balconi fioriti. Gli 11 abitanti che ci vivono, lo mantengono in vita con cura e amore.

Dal parcheggio, percorrendo con calma l’unica viuzza del borgo, in una decina di minuti si arriva alla Chiesa di Cosma e Damiano, la chiesetta che si ammira dalla statale.

Costruita nell’XIV secolo, la chiesa presenta una facciata, in stile barocco, dipinta mentre il resto dell’edificio è in pietra, come il borgo.

È situata in cima al paese e dal suo sagrato si gode un panorama eccezionale sulla Val Trebbia.

Proprio al di sotto infatti, il fiume scorre nei magnifici meandri disegnando curve che prendono il nome di Meandri di Brugnello.

All’interno del borgo, è presente il ristorante Rocca Rosa dove mangiare piatti tipici e rivisitati.

Per gli amanti delle camminate, dal borgo di Brugnello partono diversi sentieri escursionistici quali ad esempio il sentiero di 3.4 chilometri che porta a Confiente, o quello di 7.7 chilometri che porta a Bobbio.

parco giochi e parcheggio
centro storico
chiesa brugnello
anse del trebbia
anse di brugnello

Surus, l’Elefante del Trebbia

L’Elefante del Trebbia è una spettacolare formazione montuosa che, tra le anse del fiume Trebbia, prende l’aspetto del dorso di un elefante.

Tale paesaggio è stato colto per la prima volta dal fotografo Paolo Guglielmetti il quale, nel 2009, lo immortalò in uno scatto famoso, dandogli fama internazionale.

L’Elefante del Trebbia fu collegato alla Battaglia del Trebbia, in cui l’esercito romano si scontrò con l’esercito cartaginese.

In seguito alla battaglia, l’unico elefante sopravvissuto della spedizione di Annibale fu Surus e l’Elefante del trebbia fu ribattezzato con tale nome.

Lo potete osservare nel tratto compreso tra Confiente e Rovaiola.

elefante del trebbia

Strada panoramica di Cerignale

Cerignale è un borgo di origine medioevale, situato a cavallo tra la Val Trebbia e la Val d’Aveto. È circondato da un bel bosco di noccioli, castagni e faggi, ed è meta di rilassanti passeggiate nel verde.

La provinciale che si dirama dalla statale 45 in direzione Chiavari, prende il nome di la Panoramica perchè offre un panorama d’eccezione sui meandri del fiume Trebbia. Si trova infatti in posizione sopraelevata, a quasi 1000 metri d’altitudine.

Se avete tempo, merita una piccola deviazione percorrere la Panoramica per ammirare il panorama sottostante e per visitare, lungo il suo percorso, alcune belle frazioni quali Cerignale e Carisasca, con la chiesa parrocchiale eretta sul promontorio e istituita nel 1744.

strada panoramica di cerignale
Strada panoramica di Cerignale
carisasca
Chiesa parrocchiale di Carisasca

Montebruno

santuario

Un’altra tappa che non può mancare se percorrete la Val Trebbia, è Montebruno, piccolo centro abitato situato lungo la sponda sinistra del fiume Trebbia.

Di notevole interesse il Santuario di Nostra Signora di Montebruno con l’adiacente Museo della Cultura Contadina.

Immancabile poi una visita all’Antico Forno a Legna Da Carlo dove trovare tante specialità dolci (i miei preferiti sono i baci di dama) e salate.

Vai all’articolo completo.

Dove dormire in Val Trebbia

Per chi arriva da lontano, un buon punto di appoggio per andare alla scoperta della Val Trebbia, potrebbe essere Bobbio oppure, dal lato opposto della valle, Torriglia la quale merita una visita anche per assaggiare i suoi famosi canestrelli (u canestrellettu).

 

Continua a leggere:

1. Bobbio

2. Il Bosco delle Fate a Fontanigorda

3. Escursione sul Monte Caucaso

4. Anello di Pentema

5. Villa Ghiron di Torriglia

Seguici sui nostri social