Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

Il borgo telematico di Colletta di Castelbianco

Tabella dei Contenuti

Settanta unità abitative sparse qua e là, ognuna con la propria porticina colorata e il balconcino su cui sono posizionati, in maniera ordinata, vasi di fiori ed erbe aromatiche.

Tranquillità, e cura dei dettagli.

È questo il borgo di Colletta di Castelbianco, inserito nel 2008 tra i Borghi più Belli d’Italia.

Colletta di Castelbianco è un affascinante borgo medievale in pietra, situato nell’entroterra di Savona, a 300 metri sopra il livello del mare.

Ma perchè viene chiamato borgo telematico? Scopriamolo insieme!

Un po’ di storia

Il borgo di Colletta di Castelbianco, ha origine tra il XII e il XIV secolo come avamposto per difendere il territorio dall’invasione dei saraceni.

Nel 1202, il borgo apparteneva ai marchesi Clavesana.

Per un breve periodo, passò nelle mani della famiglia Cepolla di Albenga, ma ritornò presto ai precedenti proprietari.

Successivamente, fu feudo dei marchesi Del Carretto di Finale, poi dei marchesi di Zuccarello e infine dei Savoia.

Il violento terremoto del 1887, ne causò il progressivo spopolamento, lasciando il borgo di Colletta di Castelbianco in rovina.

La rinascita

colletta di castelbianco

Da villaggio abbandonato, Colletta di Castelbianco diviene nel 1990 il primo borgo medievale telematico in Italia.

In quell’anno, infatti, la Sivim (Società Imprenditoriale Sviluppo Iniziative immobiliari) decise di avviare un progetto di restauro degli edifici, dotando l’intero borgo di avanzate tecnologie informatiche.

Lo scopo era quello di accogliere le persone interessate a lavorare in un posto tranquillo, lontano dalla vita frenetica della città.

Colletta di Castelbianco è, oggi, un luogo in cui passato e presente convivono in perfetto equilibrio.

Cosa vedere a Colletta di Castelbianco

pietra

Colletta di Castelbianco si presenta come un labirinto di casette in pietra, dotate di porte colorate, finestre incorniciate di bianco, e piccoli terrazzini.

Nel borgo, si trovano un bar ristorante, un negozio di alimentari, una piscina, e una lavanderia.

Nella parte alta del borgo, è possibile ammirare la Cappella e l’oratorio di Santa Lucia oltre ad alcuni ponti a schiena d’asino di epoca medievale.

Come affittare una casa

Il borgo medievale di Colletta di Castelbianco è un albergo diffuso dove è possibile affittare una casetta per trascorrere una vacanza nel relax e nella natura.

Per informazioni e prenotazioni, potete dare un’occhiata alla pagina ufficiale.

Dove mangiare

Nel borgo, è presente un bar ristoranteColletta bar“, dove trovare pochi piatti di qualità.

Molto buoni i fritti e l’aperitivo. Birra artigianale di loro produzione, dal sapore agrumato.

Dove dormire nei dintorni di Colletta di Castelbianco

La libellula rossa è un bed&breakfast situato a pochi minuti da auto da Castelvecchio.

Le posizione è molto tranquilla, con un bel giardino dove, nella bella stagione, viene servita la colazione. Parcheggio incluso – Prenota qui.

Dove si trova Colletta

Hai bisogno di un’assicurazione di viaggio? Come lettore di BimbeinViaggio, hai diritto a uno sconto del 10%.

Heymondo recensioni  e codice sconto 10 %

Seguici sui nostri social