Logo Bimbe in Viaggio

Bimbe in Viaggio

Blog di viaggi per Famiglie

Da Torriglia al Monte Spigo passando per la Cappella di Panteca

Tabella dei Contenuti

Interessante escursione ad anello che parte dal paese di Torriglia a 768 metri d’altitudine, e conduce sulla sommità del Monte Spigo a 1127 metri, in poco più di un’ora.

Lungo il percorso, si attraversa la Colletta di Monte Moro dove sorge la Cappella di Panteca (999 metri).

Superata la croce di vetta del Monte Spigo, si può rientrare a Torriglia percorrendo un’antica mulattiera oppure un tratto di strada asfaltata (percorso più breve).

Vediamo insieme l’itinerario.

Come arrivare a Torriglia

Dall’uscita autostradale di Genova Est, si imbocca la SS45 risalendo tutta la Val Bisagno, e si raggiunge Torriglia in circa 45 minuti.

Dal casello di Busalla, si risale la Valle Scrivia e si raggiunge Torriglia in circa 40 minuti.

Da Piacenza, si oltrepassa Bobbio, percorrendo la panoramica Val Trebbia, e si raggiunge Torriglia in circa 2 ore.

A Torriglia, si lascia la macchina nell’ampia area di parcheggio libera (piazza al Posteggio, 12).

Da Torriglia al Monte Spigo passando per la Cappella di Panteca

Specifiche tecniche

Quota di partenza – Torriglia 768 mt.

Quota massima – Cima dei Ciappaini 1211 mt.

Dislivello – 520 mt. circa

Tempo impiegato – 3h (con i bambini 4h)

Escursione ad anello – Si

Informazioni utili

L’escursione al Monte Spigo con partenza da Torriglia, prevede diversi saliscendi e tratti all’ombra del bosco alternati a tratti esposti al sole.

Le stagioni ideali per percorrerla sono primavera, inizio estate e autunno (in un piccolo tratto, si possono raccogliere anche le castagne).

Essendo ad anello, può essere intrapresa sia da un lato che dall’altro ma noi consigliamo di salire dal lato della Panteca e di scendere dal lato di Donetta.

Viceversa, il sentiero in un punto è un po’ ripido e scivoloso; problematico se percorso in discesa, soprattutto se con voi ci sono bambini.

Da Torriglia al Monte Spigo passando per la Cappella di Panteca: itinerario

Torriglia – Panteca – Monte Spigo

Dal parcheggio, non si sale in paese ma si torna indietro sulla provinciale (verso Genova), fino a imboccare, sulla destra, via Vignale.

Il segnavia da seguire è contrassegnato da una X gialla.

Si segue la mulattiera che sale con buona pendenza tra qualche casa isolata, fino a incrociare la strada asfaltata che porta alla frazione Pietra.

Si segue la carrozzabile in salita e si imbocca, poco dopo, il sentiero sulla sinistra che si immette, in breve, in un bosco di castagni.

inizio
monte spigo
carrozzabile

Procedendo in salita nel bosco, si oltrepassa una cascina abbandonata e si raggiunge, poco oltre, la Colletta di Monte Moro dove sorge la Cappella di Panteca a 999 metri.

A questo punto, si imbocca il sentierino che sale, contrassegnato dal segnavia T gialla, che con diversi saliscendi di cui alcuni ripidi, raggiunge la cima del Monte Spigo (o Astazzone) a 1127 metri d’altitudine.

Prestate attenzione con i bambini perchè in qualche piccolo tratto il sentiero si restringe parecchio.

La brutta giornata non ci ha permesso di apprezzare il meraviglioso panorama sui monti circostanti che avevamo già ammirato in questa escursione.

Anche la visuale sul paese di Torriglia, in basso, rimane nebulosa.

monte spigo
panteca
monte spigo
panorama

A questo punto, inizia la seconda parte dell’escursione.

Monte Spigo – Colletto di Pentema – Donetta – Torriglia

Si supera la croce di vetta del Monte Spigo, scendendo lungo la cresta opposta.

Con diversi saliscendi, di cui una salita ripida, si raggiunge in circa 20/30 minuti il Colletto di Pentema a 1114 metri.

Si svolta a sinistra sulla strada asfaltata che collega Torriglia a Pentema e la si attraversa, dopo aver percorso pochi metri in salita.

Il sentierino sul lato destro che sale ripido, è quello che porta in alto, sulla panoramica dorsale erbosa.

Si continua sulla lieve traccia che gira a destra, scavalcando la piccola cima dei Ciappaini a 1211 metri d’altitudine.

Il panorama sui monti circostanti, tra cui il Prelà, il Duso e l’Antola, è meraviglioso.

Si continua in discesa fino al Passo delle Rocche di Mantega e, seguendo il sentiero ora ben segnalato che prosegue nel bosco, si raggiunge in breve il paese di Donetta.

A questo punto, si segue la stradina asfaltata che passa tra le case del paese, e si imbocca lo sterrato a destra, contrassegnato dal segnavia due cerchi gialli.

La mulattiera scende nel bosco, attraversa la località Poggio dove si trova una fonte d’acqua potabile, e con un’ultima discesa finale, arriva a Torriglia, dal capolinea delle corriere ATP.

Pochi minuti ancora, e sarete arrivati al parcheggio della macchina, dove ha avuto inizio la vostra escursione al Monte Spigo.

Variante più breve

Se volete abbreviare il percorso, velocizzando così l’escursione, potete percorrere la strada asfaltata che, dal Colletto di Pentema, conduce a Donetta.

Il percorso è agevole, in leggera discesa, e conduce al paesino di Donetta in una mezz’oretta circa.

Da qui, si imbocca il sentiero contrassegnato dai due cerchi gialli che scende a Torriglia.

Continua a leggere:

1. Lago del Brugneto

2. Escursione al Monte Scietto

3. Monte Caucaso e pranzo al rifugio

4. Montebruno, Val Trebbia

Seguici sui nostri social